Chiesa Madre Gangi

Chiesa San Giuseppe dei Poveri


Non si hanno dati certi sulle origini della Chiesa. Nel 1902 avviene la sua ristrutturazione con conseguente ampliamento da una a tre navate.

Secondo la tradizione locale, le statue dedicate a S. Giuseppe sono due. Anticamente era presente una sola statua che, essendo molto pregiata, non veniva portata in processione, ma poteva uscire soltanto in caso di calamità naturali. Pertanto, i nobili del paese fecero scolpire una seconda statua con il nome di "S. Giuseppe dei ricchi"; da qui nasce la tradizione di "S. Giuseppe dei poveri" e "S. Giuseppe dei ricchi".

Nei giorni che precedono la festività, vengono celebrate "i sittini", consistenti nella celebrazione di SS Messe in onore del Santo con recita del rosario in forma dialettale.

Il 19 marzo la confraternita che porta il suo nome celebra la festa, e la vigilia organizza "a tavulata", che consiste nell'offrire ai devoti il pranzo tipico di S. Giuseppe (pasta con lenticchie, baccalà, finocchi selvatici, pane e arance), tradizione seguita tuttora nelle nostre famiglie.

Nella stessa Chiesa vengono anche celebrate le feste di Maria SS.ma Ausiliatrice e di S. Giovanni Bosco.

 

 

Rusariu di San Giuseppi

Dia vi sarvi San Giuseppi
siti tuttu purità,
siti tuttu carità,
aiutatini, assistitini
ntà la nustra nicissità.
Lu Bamminu ca cc-ammita
la Santissima.Trinità,
e ladamu a San Giuseppi
ccu firvuri e carità.
Gloria o Patri, o Figliu, o Spiritu Santu,
dàmucci gloria a Giuseppi santu,
e ppi ffari rivirenza a Dia,
i-nnomu di Gesù, Giuseppi e Maria.
San Giuseppi lu maggiori
‘n testa purtava lu santu cappiddu,
a li manuzzi lu santu vastuni,
siti lu patri di nostru Signuri.
Quannu purtastivu Maria n’Egittu,
dàtini aiutu nta stu bisugnu strittu,
nta stu bisugnu di nicissità
San Giuseppi n'aiuterà
e ccu la vostra rranni putenza,
dàtini aiutu e pruvvidenza,
pruvvidenza n'ata ddari
ppi putirini campari,
stu Bamminu c'aviti i-mmbrazza
cunciditini la grazia.

Poi si canta per dieci volte a cori alterni

- Gesù, Giuseppi e Maria,

- vi dugnu lu cori e l'arma mia.

 

(Pater, Ave e Gloria)

 

Traduzione

<< Dio vi saluta San Giuseppe, / siete tutto purità, / siete tutto carità, / aiutateci, assisteteci / nella nostra necessità. / Il Bambino che c’invita / alla Santissima Trinità, / e lodiamo a San Giuseppe / con fervore e carità. / Gloria al Padre, al Figlio, allo Spirito Santo, / diamogli gloria a San Giuseppe santo, / e per fare riverenza a Dio, / in nome di Gesù, Giuseppe e Maria. / San Giuseppe, il grande, / in testa portava il santo cappello, / nelle mani il santo bastone, / siete padre di nostro Signore. / Quando avete portato Maria in Egitto, / dateci aiuto in questo grande bisogno, / in questo bisogno di necessità, / San Giuseppe ci aiuterà / e con la vostra grande potenza, / dateci aiuto e provvidenza, / provvidenza ci deve dare per poterci sostenere, / questo Bambino che avete in braccio, / concedeteci la grazia, // Gesù, Giuseppe e Maria, / vi dono il cuore e l’anima mia.>>